Rainbow Ecologia

image-491
106

Smaltimento toner esausti
e partita IVA

recycle-15172340

Rainbow Ecologia 

 

PARTITA IVA 05676340721

 

INFO ‚Äč3393816324

recupero toner da smaltirerifiuti di stampa

Copyright 2020. All rights reserved by Rainbow


PRIVACY POLICY

I rifiuti professionali vanno gestiti in modo differente da quelli urbani

 

Le aziende, gli studi professionali, e gli Enti pubblici (in buona sostanza tutte le utenze professionali) non possono gestire i propri rifiuti allo stesso modo dei cittadini ma li devono affidare ad operatori specializzati (TUA Art. 184-188).
Queste categorie di rifiuti si definiscono “speciali” (o a volte anche “professionali”) e a loro volta sono poi suddivisi in “pericolosi” e “non pericolosi”, che devono essere gestiti in modo molto più complesso.

Tutti i rifiuti sono catalogati con un codice chiamato CER che, per i pericolosi, termina con un asterisco *.

Nella fattispecie i consumabili da stampa possono avere sia una versione “non-pericolosa” che una pericolosa e quindi, con il loro doppio CER, da questo stretto punto di vista sono tra i più complessi da gestire.

 

Chi è il produttore del rifiuto

 

L’art. 183 del TUA chiarisce che si intende come “produttore” del rifiuto il “soggetto giuridico che lo genera con la propria attività”. Nel caso specifico dei consumabili esausti di stampa  questo chiarisce molto bene che, dal punto di vista della generazione delle cartucce esauste non fa alcuna differenza se le periferiche sono “a noleggio” o “acquistate” poiché in entrambi i casi “l’attività della stampa” è comunque di pertinenza del Cliente.

 

Le attività necessarie per la gestione corretta dei rifiuti professionali

 

Ciascun produttore di rifiuti, ossia in prima istanza ciascuna organizzazione che decida di gestirli in maniera corretta è costretto ad espletare una notevole quantità di azioni delicate.
Intanto è necessario accertarsi che gli operatori che si propongono per la gestione dei rifiuti abbiano tutti le dovute autorizzazioni per lo specifico incarico. Anche solo per la semplice vendita, o meglio per la fatturazione del servizio, è richiesta una specifica autorizzazione di cui pochissimi rivenditori di informatica e prodotti d’ufficio dispongono; ma vanno anche verificate le autorizzazione per il trasporto, lo stoccaggio, la cernita, e le caratteristiche dell’impianto destinatario per il trattamento finale.
Inoltre è indispensabile accertarsi in merito alla tipologia dei propri rifiuti (pericolosi o non-pericolosi) attraverso opportune analisi di laboratorio, acquistare e gestire un registro di carico-scarico, compilare un documento (FIR) per il trasporto del quale dovrà ritornare una copia al produttore entro 90gg.; infine, in funzione del numero dei dipendenti e della tipologia dei rifiuti prodotti, sarà indispensabile la gestione annuale del MUD presso le Camere di Commercio nonchè l’iscrizione al SISTRI.
Insomma la gestione dei rifiuti comporta molta burocrazia e, con essa, naturalmente il rischio di commettere errori.

 

Gli oneri del produttore del rifiuto

 

La legge (ed in particolare l’Art. 188 del TUA) chiarisce molto bene che il “produttore del rifiuto” conserva la piena responsabilità per la catena del trattamento di tutta la filiera; non è quindi sufficiente che gli operatori di turno si facciano carico operativo delle attività di recupero, perché il “produttore del rifiuto” mantiene la responsabilità dell’esecuzione legittima e corretta di tutte le operazioni.
Oltretutto i rischi di sanzione non sono solamente di natura pecuniaria ma, per certe questioni più delicate, gli amministratori rischiano persino implicazioni di carattere penale.

 

 

La soluzione

 

Sottoscrivendo l’abbonamento, i nostri Clienti affidano a noi i loro toner e cartucce; così al momento del loro esaurimento, esse verranno gestite da noi e ci assumeremo tutti gli oneri, le responsabilità e i rischi dell’onerosa gestione di rifiuti potenzialmente pericolosi.
Oltretutto, cosa non trascurabile, il servizio può essere offerto al Cliente dal suo Rivenditore di fiducia che, delegandolo a noi il servizio non si assume rischi e responsabilita’  in materia ambientale.

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder